Home

© 2012, paolopellicini.it - tutti i diritti riservati

Counseling        



Presentazione


Il modello antropologico sotteso risponde all’urgenza di un recupero di valori e di significati rimossi e disattesi dalla società attuale, basato su una concezione della personalità di tipo “olistico”, aperta alle sue potenzialità oblative e sublimatorie, e allo sviluppo del bisogno psicospirituale.

Nella società attuale il disagio giovanile si rende sempre più manifesto sia come malessere esistenziale che come messa in atto di comportamenti asociali e devianti. L’adolescenza è una fase della vita che risveglia timori passati, che sembravano dimenticati, sia nel ragazzo che la vive che nelle persone che lo circondano: i genitori che, in qualche modo, si trovano a fare i conti con la propria adolescenza ormai trascorsa e con la percezione del tempo che passa e dei cambiamenti personali, familiari e sociali che questo comporta, ma anche gli insegnanti, gli educatori, gli allenatori sportivi.

E’ l’età delle grandi passioni, degli innamoramenti, dei grandi ideali, dove tutte le emozioni sono vissute in maniera molto intensa quasi esplosiva. E’ quindi importante che il ragazzo possa sentire di avere dei punti di riferimento stabili, una base sicura a cui fare ritorno quando necessario. L’adolescente vuole figure e presenze “vere”, e rifugge dalle false soluzioni, donde facili diffidenze.

Gli interventi educativi si rivolgono alla scuola in quanto luogo di osservazione privilegiato per l’identificazione del disagio giovanile. La scuola si trova ad essere il crocevia in cui si incontrano le questioni soggettive degli adolescenti, il compito formativo del docente e le difficoltà della famiglia moderna. Gli adolescenti di oggi pongono la scuola di fronte a nuove esigenze, nuovi bisogni e nuove richieste di aiuto e di sostegno ai quali, talvolta, può essere problematico rispondere.

Lo scopo degli incontri è duplice:


Gli incontri


Si prevedono lezioni frontali destinate agli alunni, da tenersi in orario curricolare. Gli incontri saranno di due ore ciascuno e il numero ottimale di allievi partecipanti si attesterebbe tra i 20-30 alunni.

La presenza durante gli incontri del corpo docente è facoltativa, in genere si preferisce che siano i ragazzi a decidere, onde evitare imbarazzo da parte di questi ultimi nell’intervenire nel dibattito.  


Riferimenti Bibliografici


Rocca-Stendoro, Counseling ad orientamento con la Procedura Immaginativa

Passerini-Toller, Psicoterapia con la Procedura Immaginativa

Toller, Sessualità, sessuologia e inconscio

Toller-Pellicini, Silenzio Simbolo Sublimazione

Petter, Problemi psicologici della preadolescenza e dell’adolescenza

Petter, Il mestiere di Genitore

Risé, Felicità è donarsi

Risé, Cannabis, Come perdere la testa e a volte la vita

Vanni, Adolescenti tra dipendenze e libertà

Vanni, Padri presenti figli felici


Titoli e tematiche